SAMAN STRANGOLATA PER 13 MINUTI. LA STORIA DI SAMAN E’ UNA DRAMMATICA LEZIONE AL TERZOMONDISMO ASTORICO. LE DINAMICHE DELL’IMMIGRAZIONE VANNO SOCIALMENTE INTERPRETATE NELL’AMBITO DI UN PROGETTO DI LIBERTÀ’ DELLA PERSONA.

 

Tredici minuti: tanto ci è voluto per uccidere Saman Abbas. Dalle 00.09 del 1° maggio, quando le telecamere la inquadrano che esce di casa con lo zainetto in spalla, seguita dai genitori, alle 00.22, quando il padre rientra in casa solo, con lo stesso zainetto in mano. Tredici lunghissimi minuti che sono bastati a stroncare l’ultimo tentativo di fuga della 18enne pachistana, che viveva con la famiglia a Novellara. (ansa) Una terribile lezione per terzomondismo di facciata, a storico e radical chic, che ancora domina ambienti della politica italiana. Le dinamiche dell’immigrazione vanno socialmente interpretate nell’ambito di un progetto di libertà della persona.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi