Manconi alla Scuola dei Diritti: ci battiamo per il pane, ma anche per le ‘rose’. Un successo di partecipazione e attenzione.

La mancanza di diritti crea disordine. L’esempio è la casa, che porta alle occupazioni abusive. L’importanza dei diritti individuali – che non sono più quelli ‘borghesi’ – e non solo di quelli collettivi delle battaglie storiche del movimento operaio. Poi ci sono i nuovi diritti, che un tempo non esistevano, come il diritto alla privacy o all’ambiente non inquinato. Anche il cittadino è cambiato in relazione ai diritti: i nuovi poveri sono dei ‘quasi cittadini’ in quanto la povertà priva la persona di diritti e perfino di dignità. ‘Non solo pane’ quindi, ma anche ‘rose’, come in ‘Bread and Roses’ (in ricordo delle lotte femminili del 1912, a Lawrence, Massachusetts). Soddisfazione, felicità sono obiettivi di vita e perfino di ‘fine vita’. Al attenderlo Romano Prodi, che si complimenta con lui. 

Condividi:
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi