Non si può chiudere il Cup a Bologna!

Il Cup di Bologna è di fatto chiuso, con tante agende mediche chiuse e numeri di telefono che non rispondono. È un fatto grave che colpisce al cuore il sistema creato a tutela dei diritti dei cittadini in sanità. È stato uno dei vanti della sanità cittadina (famosa la frase di un vacanziere bolognese sulle spiagge toscane degli anni novanta rivolta a un fiorentino che si dava delle arie: “Noi a differenza di voi abbiamo il Cup!”).  Nel corso dell’ultimo quinquennio era stato potenziato con il CupWeb e il collegamento al FSE. Perdere il Cup significa tornare indietro di decenni, quando per ottenere un appuntamento per una visita specialista o un esame bisognava avere una raccomandazione politica o conoscere un cugino infermiere. Qualche politico locale ha tentato penosamente di difendere la nuova situazione tragica arrivando ad affermare, senza ritegno, che ‘il Cup è superato’. Altri, più correttamente e  giustamente – come si legge dai giornali – protestano. È urgente che l’Ausl di Bologna e la Regione Emilia Romagna riaprano il Cup di Bologna.

Commento
  1. 2 mesi fa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi