Metà dei bolognesi si cura meno. Ne parleremo alla Scuola dei Diritti

La metà dei bolognesi si cura meno. È non è vero che ‘fa bene’ curarsi meno come dice qualche ‘manager’ della sanità. Il diritto alla salute e quindi alla cura è oggi meno tutelato. Anche fasce di ceti a medio-reddito (due-tremila mula euro a nucleo familiare) hanno problemi per l’alto costo delle medicine ma anche delle cure, sempre più offerte in libera professione medica, cioè a pagamento, anche nel servizio pubblico. Se ne parlerà alla Scuola dei Diritti dei Cittadini Achille Ardigo che inizia il 16 febbraio a Bologna. Foto: Ieri su la Repubblica-Bologna.

Condividi:
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi