Lunghe file al Pronto Soccorso di Bologna

Scrive Luca Rizzo Nervo

“In questi giorni ci sono stati particolari problemi di sovraffollamento dei Pronto Soccorso cittadini, in particolare quello dell’Ospedale Maggiore, che hanno comportato ancor più lunghi tempi di attesa rispetto al solito, come anche alcuni organi di stampa hanno riportato. Il motivo principale è dovuto ad un deciso anticipo del picco influenzale, previsto per la fine gennaio/primi di febbraio, che ha avuto invece il suo apice nella terza settimana di dicembre. Mi sono in queste giornate confrontato con le Direzioni Generali delle Aziende Sanitarie per trovare soluzioni o attenuazioni del problema.In particolare rispetto alla situazione del Pronto Soccorso dell’ospedale Maggiore, l’Ausl ha potenziato i turni sia dei medici sia degli infermieri al Pronto Soccorso, ha aperto posti letto aggiuntivi ( con una valutazione work in progress per l’attivazione di altri), altri li ha attivati nella rete del privato accreditato e la situazione è tenuta monitorata e oggi è migliore di ieri, ancorché non ancora risolta. Voglio ringraziare i medici, gli infermieri e tutto il personale che è chiamato in questi giorni ad uno sforzo straordinario e le persone che accedono al PS per la pazienza supplementare che è chiesta in queste ore.Continuerò a vigilare la situazione che mi auguro si risolva in breve temNell’occasione mi sento di ribadire l’importanza fondamentale della vaccinazione antinfluenzale (gratuita per tutte le persone dai 65 anni in su e categorie a maggior rischio) come misura preventiva generalmente utile e adatta a chiunque e a qualunque età che permette di evitare (o attenuare) i fastidi dell’influenza e riduce il rischio di complicanze più gravi come la polmonite. Uno strumento per la propria salute e per la salute pubblica.”

È importante che gli amministratori abbiano il coraggio di parlare apertamente delle cose che non funzionano e ledono i diritti dei Cittadini. È un modo nuovo di ‘fare politica’ che va aprrezzato e che pochi utilizzano. 

Condividi:
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi