Coronavirus: la Svezia non intende imporre limitazioni ma punta sull’autocontrollo nel rispetto delle garanzie costituzionali. Una scelta discutibile ma coraggiosa e che merita rispetto

La Svezia fa una scelta discutibile e coraggiosa al tempo stesso: non limitare le libertà dei cittadini e puntare tutto sul loro autocontrollo nell’emergenza Coronavirus. Il paese che ha costruito negli anni del Secondo Novecento il Welfare State più completo del mondo merita rispetto e non certo derisione. Già sull’apertura ai flussi immigratori ha dimostrato lungimiranza (senza questi flussi la Svezia sarebbe drammaticamente invecchiata mettendo a repentaglio la stessa tenuta del suo eccellente sistema previdenziale). Poi dobbiamo ammetterlo: la nostra burocrazia poliziesca dei controlli e dei fogli di autocertificazioni che cambiano ogni giorno non ci appassiona, in un’ Italia che non riesce nemmeno a dare ai nostri medici in prima linea una mascherina e un tampone. Oggi su La Repubblica.

Svezi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi