Seconda lezione – 29 Aprile 2015

a cura di Leonardo Altieri, Università degli Studi di Bologna
presiede Paolo Mengoli, Segretariato Sociale “Giorgio La Pira”

Visualizza il programma completo degli eventi previsti nell’ambito dell’Anno Ardigoiano.


Anno Ardigoiano e Città Metropolitana di Bologna
Il punto critico è la partecipazione. I cittadino contano sempre meno.

di Mauro Moruzzi
Ieri pomeriggio, nella sala della Misericordia di Bologna di Strada Maggiore, è proseguito il confronto sul welfare e la nuova città metropolitana di Bologna con una bella lezione del Prof. Altieri del nostro Dipartimento di sociologia. Ha ricordato il passionale impegno di Achille Ardigò per ‘dare voce ai cittadini’ sulle scelte della politica e dei partiti (e la sua profonda delusione ante litteram per la politica-partitica).
Dalla discussione è emerso il vero problema che le istituzioni locali stanno vivendo, in particolare quelle che dovrebbero essere i pilastri del nostro Welfare metropolitano, la sanità e l’assistenza sociale: il cittadino utente dei servizi ha perso peso, possibilità di esprimersi, di partecipare in forme non rituali. Se gli viene rifiutato un servizio o subisce un torto (reale o apparente che sia) non ha voce. Non gli resta che scrivere nella rubrica delle lettere di un giornale locale (se ha fortuna troverà spazio) o organizzare una protesta – come è accaduto per le mense scolastiche di Bologna – cosa tutt’altro che facile. Nella sanità ci sono i Comitati Misti che dovrebbero tutelare i pazienti, ma sono solo consultivi, scelti dal direttore generale è ormai demotivati. I partiti, come è noto, si occupano di altro e anche i quartieri sono strutture ormai prevalentemente amministrative e non di partecipazione. Il problema è serio.
Come dare voce ai cittadini?

30 Aprile 2015

 

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 29/04/2015
16:00

Luogo
Confraternita della Misericordia - Aula San Luca

Categorie


Condividi:
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page